Curiosità

Primo armadietto Amazon installato a Palermo: ecco come funziona

La nuova trovata di Amazon, l'armadietto denominato "Amazon Locker" è arrivato anche a Palermo. Un servizio utile per gli utenti di una delle maggiori piattaforme di e- commerce mondiali. Scopriamo come funziona e dove è stato installato.

La nuova trovata di Amazon, l’armadietto denominato “Amazon Locker” è arrivato anche a Palermo. Un servizio utile per gli utenti di una delle maggiori piattaforme di e- commerce mondiali. Scopriamo come funziona e dove è stato installato.

Il primo Amazon Locker di Palermo è arrivato. Infatti, l’armadietto Amazon è già stato installato precedentemente in altre città italiane, ma è il primo per il capoluogo siciliano. Si trova esattamente in via Ugo La Malfa, proprio fuori dall’ingresso di quello che era l’Auchan, proprio come testimoniano le fotografie che lo hanno immortalato e postato su Facebook. In molti però si chiedono di cosa si tratta e come funziona.

Fino a questo momento chi comprava online poteva scegliere di farsi spedire gli acquisti a casa o in ufficio o, ancora, in uno degli sportelli delle Poste. Da adesso però qualcosa è cambiato grazie ad Amazon Locker. Infatti, chi non può ricevere a casa o in ufficio, o non ha tempo di recarsi alle poste, può utilizzare questo nuovo servizio per ricevere i propri ordini. Gli Amazon Locker sono dei punti di ritiro ufficiali del portale self-service, che permettono agli utenti di  ritirare le spedizioni senza vincoli di orario: si scelgono infatti il punto di ritiro e il giorno. I pacchi consegnati in un Amazon Locker dovranno però essere ritirati entro tre giorni,  altrimenti il pacco tornerà indietro, ma in compenso è previsto un rimborso totale in automatico.

Tuttavia, il servizio è valido solo per prodotti spediti da Amazon, pertanto non funziona per i prodotti comprati su Amazon , ma di proprietà di terze parti.

About the author

Sofia Nicolosi

Sofia Nicolosi nasce a Catania il 16 settembre 1997. Studentessa di Scienze politiche e relazioni internazionali, le sue passioni più grandi sono i viaggi, lo sport e la scrittura. La passione per il giornalismo in particolare e la devozione per la verità sono le ragioni che l'hanno spinta a collaborare con la redazione di LIveunict. Fortemente legata ai temi della pace, diritti umani e pari opportunità, il suo sogno nel cassetto è quello di poter cambiare il mondo!

Leggi articolo precedente:
Palermo, entrano all’università e derubano studente

Uno specializzando si è visto rubare l’attrezzatura personale, il tesserino ed il bancomat. Nemmeno l'università, al giorno d'oggi, è un...

Chiudi