Altri Atenei

VIDEO – Ricostruzione 3D del maestoso Tempio di Giove di Agrigento

L’iniziativa è nata da un’idea dell’architetto Federico Moncada che ha così deciso di rendere omaggio alla propria città.

valle-dei-templi_EM

Prendete il più grande tempio dorico della Magna Grecia e riportatelo in vita (virtualmente): è quello che ha fatto l’architetto agrigentino Federico Moncada evidenziando lo splendore di tale struttura millenaria. Il Tempio di Giove era grande quanto un campo da calcio (113 metri per 56) e alto più di 40 metri: tali misure lo rendevano il terzo tempio per dimensione in assoluto, dopo l’Artemision di Efeso e il tempio di Apollo a Didime.

La struttura, eretta per celebrare la battaglia di Himera del 480 avanti Cristo nella quale i Greci di Sicilia batterono definitivamente i Cartaginesi, crollò definitivamente nel dicembre del 1401 quando gli ultimi tre telamoni caddero al suolo. Proprio quest’ultimi erano gli elementi più caratteristici del tempio: gigantesche statue che fungevano da semicolonne e delle quali una è oggi  conservata nel Museo archeologico di Agrigento.

Del mastodontico tempio nella splendida Valle rimane ben poco al giorno d’oggi se non i ruderi: Moncada grazie agli studi di grandi archeologi come Pirro Marconi e di fonti classiche, come Diodoro Siculo, ha ricostruito il tempio come doveva apparire nel quinto secolo avanti Cristo.

Dunque, non ci resta che vedere il video (che trovate qui di seguito) e immedesimarci negli akragantini dell’epoca (magari evitando il 1401)!

About the author

Edward Agrippino Margarone

Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.

Leggi articolo precedente:
MEDICINA A ENNA – Sui social le reazioni degli studenti

L’apertura della Facoltà di Medicina a Enna è diventato un vero e proprio caso. La notizia, infatti, continua ad essere...

Chiudi