Caro tazzina, da oggi il caffè si paga di più: o dati a Palermo

Dopo lo scandalo del sacchettigateuna nuova pagina colma di indignazione viene scritta all’inizio del 2018. Protagonista della rabbia dei consumatori italiani stavolta è il rincaro del prezzo del caffè, bevanda indispensabile per milioni di italiani che ogni giorno usufruiscono di questo carburante a poco prezzo (fino a pochi giorni fa).

Secondo i dati diffusi dall’Adkronos, il caro tazzina registrato è in media del 5,95%. Considerando i singoli casi, Torino è la città che registra il prezzo maggiore, 1,10 euro – il +5,77%. Roma registra invece il rincaro maggiore. Con un +11,96% infatti, prendere un caffè a Roma costerà circa 1,03 euro.

Relativamente buone notizie arrivano per Napoli  (+5,81%) dove si pagherà 0,91 euro, e Palermo (+2,17%) alzando la soglia a 0,94 euro. Si prevede che l’aumento dei prezzi si espanderà in altre aree della Penisola, e questo contribuisce a fomentare la rabbia di folle di consumatori la cui voce viene gridata principalmente dall’Associazione dei consumatori guidata da Emilio Diafora, che definisce gli aumenti “ingiustificati” e si chiede come mai non ci sia la stessa dinamica riguardo la crescita dei redditi. Non resta che aspettare e vedere come la situazione possa evolversi.


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Palermo, allarme bomba in pieno centro

Un bagaglio sospetto rinvenuto davanti alla chiesa Valdese ha fatto scattare il protocollo. La strada è stata chiusa al traffico....

Chiudi