Notizie su Palermo e Università » Città di Palermo » Centri commerciali zona arancione, le regole per la riapertura
Città di Palermo

Centri commerciali zona arancione, le regole per la riapertura

Dai supermercati ai negozi di vestiti, dalle concessionarie di automobili ai parrucchieri, nella zona arancione ogni esercizio commerciale resta aperto e può svolgere la propria attività. A differenza di bar e ristoranti che dovranno restare chiusi al pubblico (e fornire solo un servizio di asporto o di delivery), l’ultimo Dpcm inserisce tra le attività consentite lo shopping al dettaglio anche di beni non essenziali. Via libera anche a librerie, barbieri, lavanderie, centri estetici, profumerie e negozi di cosmetica. Il testo mette nero su bianco comunque alcune regole che gli esercenti e i commercianti dovranno rispettare per non violare la norme anti Coronavirus.

Riaprono i centri commerciali

Sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi. Restano aperti all’interno farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie, edicole, librerie, vivai.

Le regole per gli esercizi commerciali

Come spiegato nelle Faq del governo, non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Alle attività commerciali al dettaglio è permesso aprire al pubblico, a condizione però che vengano rispettate delle regole:

  • obbligo di mascherina e messa a disposizione di gel igienizzante
  • distanza interpersonale di almeno 1 metro
  • ingressi regolati e scaglionati (1 alla volta nei negozi fino a 40 mq)
  • divieto di sostare nei locali più tempo di quello necessario all’acquisto.

Inoltre, i gestori devono garantire la pulizia e l’igiene ambientale almeno 2 volte al giorno, nonché continui e adeguati cambi d’aria. È inoltre obbligatorio esporre un cartello che indichi il numero massimo di persone che possono essere contemporaneamente presenti all’interno dei locali. Infine, dove possibile, è preferibile che gli esercizi stabiliscano percorsi diversi per entrate e uscite.