Notizie su Palermo e Università » Città di Palermo » Cosa succede in città - Eventi » Palermo, dal 3 ottobre ritorna “Le Vie dei Tesori”
Cosa succede in città - Eventi

Palermo, dal 3 ottobre ritorna “Le Vie dei Tesori”

Le Vie dei Tesori a Palermo e a Monreale sarà presentato giovedì prossimo (24 settembre) alle 11 a Villa Niscemi, sede istituzionale del Comune di Palermo e sito tra i più attesi tra quelli da visitare nel Festival.

Dal 3 ottobre, al fianco di Palermo, scenderanno in campo CataniaRagusaScicli e Noto; ritornerà Sciacca e debutterà Monreale che partirà dal 10 ottobre.

Le Vie dei Tesori ritorna a Palermo, per la sua quattordicesima edizione, con oltre duecento tra visite, attività ed esperienze da vivere in sicurezza.

A Palermo si aggiunge Monreale con un inedito percorso tra chiese sconosciute e terrazze mozzafiato affacciate sulla valle.

Nella convinzione che sia ancora più necessario, dopo l’emergenza, “rinascere con la bellezza”, come recita il claim scelto dal festival che trasforma le città in “musei diffusi”.

Con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e l’assessore regionale al Turismo Manlio Messina, ci saranno l’assessore comunale alla Cultura Mario Zito, il sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono e il suo assessore ai Beni culturali Ignazio Davì, i rappresentanti delle istituzioni e dei partner coinvolti, il presidente delle Vie dei Tesori Laura Anello, lo staff del festival.

Forte di una prima tranche del Festival che in questi weekend di settembre sta dimostrando con forza che i visitatori hanno un grandissimo desiderio di riappropriarsi dei luoghi, siano essi spazi inediti o siti conosciuti – i primi due weekend hanno registrato un totale di 15 mila visitatori a Bagheria, Trapani, Marsala, Mazara, Messina, Caltanissetta e Sambuca; si replica il prossimo e ultimo fine settimana aggiungendo anche Naro – il festival si prepara a tornare a Palermo dove è nato nel 2006 e dove coinvolge centinaia di migliaia di visitatori.

La scorsa edizione, per la quale hanno lavorato circa 500 giovani, ha contato in tutta la Sicilia 404 mila visite, con un indice di gradimento del 91 per cento, e ha avuto una ricaduta di indotto turistico sulla Sicilia di circa 5 milioni e mezzo di euro.

Lo staff del festival ha lavorato a lungo per cucire un programma in completa sicurezza, con ingressi contingentati ovunque, preferibilmente su prenotazione. Senza rinunciare al marchio distintivo del festival, ovvero lo storytelling: le visite si faranno con la guida in presenza, se la logistica dei luoghi lo consente, oppure con audioguide d’autore registrate dalla viva voce dei giovani dell’associazione Amici delle Vie dei Tesori.