Notizie su Palermo e Università » Altra Zona » Arte, musica, cinema e teatro » “One Voice”, artisti dopo la pandemia fa tappa a Palermo
Arte, musica, cinema e teatro

“One Voice”, artisti dopo la pandemia fa tappa a Palermo

Palermo ha aderito ad ONE VOICE ed è pronta a fare la sua parte: dal 16 al 30 settembre Fondazione Sant’Elia ospiterà i lavori di sette artisti siciliani realizzati durante il lockdown

Un murales nato a Palermo farà il giro del mondo, una fotografia scattata a Cuba sarà proiettata digitalmente negli Stati Uniti, un’immagine venuta fuori in Costa Rica potrebbe apparire su una parete in Angola. L’arte non conosce confini, muri, celle, barriere: è libera di esistere, respirare, discutere e far discutere. E durante la pandemia, sono stati tantissimi gli artisti che hanno ripensato il loro rapporto con il sistema-arte, avviano un dialogo che ha superato i Paesi per stringersi un unico abbraccio collettivo. ONE VOICE nasce da qui: un movimento sociale che promuove un festival outdoor internazionale dove l’arte pubblica diventa mezzo per ispirare e unire le comunità.  Fondato da Gil Shavit (Perù) ed Eugene Lemay (USA), “ONE VOICE” è nato durante i momenti più difficili della pandemia come progetto di solidarietà in un momento di incertezza mondiale. E ha raccolto adesioni immediate, tanto da creare un unico filo rosso attraverso 20 città, di 14 Paesi in cinque continenti; senza contare che è sceso in campo il gotha della street Art, da Ron English ai California Locos, Hugo Gyrl, Chroboogie, Hiero Noriega o Nate Dee.

I lavori dei sette artisti siciliani

Mario Bajardi, Gandolfo Gabriele David, Andrea Kantos, Giacomo Rizzo, Mauro D’Agati, Igor Scalisi Palminteri, Nicola Pucci, Max Serradifalco e Antonio Macaluso. Artisti che hanno sposato appieno lo spirito di ONE VOICE e sono già al lavoro per completare le opere – tele, video, fotografie, installazioni, note -, ognuno secondo la propria, personale cifra artistica, ispirazione, carattere. I lavori “occuperanno” in maniera totale l’area di Palazzo Sant’Elia, dalla Cavallerizza alle corti esterne, salendo alla Loggia o affacciandosi su via Maqueda, mentre un murales di otto metri, di grande impatto emotivo e di forte significato sociale, nascerà nel quartiere palermitano dello Sperone, vicino ad una scuola vandalizzata durante il lockdown. L’ideazione del murales è nata in seno al progetto dell’associazione Beyond Lampedusa, creata per sostenere l’educazione e la formazione di minori vulnerabili.

“Da tempo la città di Palermo ha censito, in sinergia con la Soprintendenza, i muri della città da destinare alla street art: sono 28 e di questi, 24 possono essere utilizzati per interventi di natura temporanea – dichiara il sindaco Leoluca Orlando. “Riqualificare e riconsegnare: oggi l’arte e la vita della città si intrecciano come confermato da Manifesta12 – aggiungono per la Fondazione Sant’Elia il sindaco e il sovrintendente  Antonio Ticali -; e la street art spesso parla alla città in maniera più incisiva e immediata di altri interventi. ONE VOICE riesce nell’intento: mai come in questo caso, l’arte pubblica unisce la comunità, la rende partecipe, la invita a difendere ciò che le appartiene e in cui si riconosce”.

ONE VOICE è un progetto ideato da Fondazione Fugaz Arte De Convivir, Perù | Mana Contemporary, USA. Fino a questo momento hanno aderito Perù, USA, Portogallo, Angola, Panama, Italia, Cuba, Costa Rica, Israele, Costa d’Avorio, Cina, Australia, Giappone, Romania. Per la città di Palermo la sede ospitante è Fondazione Sant’Elia, in collaborazione con MLC Comunicazione. Patrocinio del Comune di Palermo e della Città Metropolitana di Palermo.

In dettaglio i lavori dei sette artisti

STREET ART Igor Scalisi Palminteri
Igor Scalisi Palminteri – che ha già realizzato numerosi interventi su muri della città – parteciperà al progetto ONE VOICE senza rinunciare alla sua precisa cifra stilistica di denuncia: realizzerà un murales di otto metri circa, sul muro di un edificio del quartiere dello Sperone, accanto ad una scuola più volte vandalizzata durante il lockdown. L’artista ha scelto un tema dal forte impatto emotivo per un’opera che creerà discussione e confronto.

URBAN ART Mauro D’Agati
Il fotografo Mauro D’Agati, partendo dalla ricerca documentata nel suo ultimo volume “The City that no one has seen” in cui sono presenti scatti realizzati a Palermo durante il lockdown, ne proietterà alcuni in slide sui muri di una delle corti principali di Palazzo Sant’Elia.

MUSICA CONTEMPORANEA Mario Bajardi
Il musicista realizzerà nella loggia del cortile principale di Palazzo Sant’Elia una performance live ispirata al tema della Rinascita, con il supporto di una proiezione video. Mario Bajardi è stato recentemente selezionato per rappresentare il Museo Riso e la Regione Siciliana al Mana Contemporary a Jersey City (USA) per uno scambio di residenze d’artista.

VISUAL ART Gandolfo Gabriele David
Gandolfo Gabriele David realizzerà un’installazione pavimentale in outdoor nel cortile principale del Palazzo, ispirata al forte valore simbolico dei pani, ricerca realizzata da anni e già presentata alla Fondazione Sandretto ed in diverse altre sedi museali italiane ed estere. Anche Gandolfo Gabriele David è stato selezionato per rappresentare il Museo Riso e la Regione Siciliana al Mana Contemporary a Jersey City.

SCULTURA Giacomo Rizzo
Giacomo Rizzo, già ospitato al Mana Contemporary di Jersey City (NJ) lo scorso anno, per il progetto ONE VOICE realizzerà una scultura monumentale ispirata al COVID-19 che verrà collocata all’interno della Cavallerizza di Palazzo Sant’Elia. Il lavoro dello scultore siciliano dialogherà con le tele di Nicola Pucci.

 VIDEO ART Andrea Kantos
L’artista e curatore Andrea Kantos, direttore artistico di KAOZ e Dimora Oz, ha già partecipato ad importanti progetti internazionali ed è stato  selezionato fra i Collateral Events di Manifesta12. Produrrà una video installazione site specific all’interno di una nicchia posta all’ingresso dello scalone principale del Palazzo.

LANDSCAPEPHOTOGRAPHY Max Serradifalco
Max Serradifalco, il cui lavoro si basa sulla ricerca e indagine di paesaggi estrapolati da Google Earth, proporrà per il progetto ONE VOICE un lungo nastro formato dalle bandiere delle diverse nazioni con la forma elicoidale del DNA.

PITTURA Nicola Pucci
Nicola Pucci esporrà opere della serie inedita “Bubbles”, realizzate su diversi supporti come il rame, che denunciano la condizione di  isolamento e distanza fra gli individui durante il lockdown. Le sue opere saranno allestite all’interno della Cavallerizza di Palazzo Sant’Elia e dialogheranno con la scultura di Giacomo Rizzo.

VIDEO MAKER Antonio Macaluso
Le performance, gli interventi in corso d’opera, i diversi momenti di ONE VOICE: tutto diverrà un unico, fluido storytelling, una documentazione video firmata da Antonio Macaluso, all’interno del progetto VediPalermo. Il prodotto finale di Macaluso, da sempre abile narratore per immagini di mostre, installazioni, progetti artistici, racconterà ONE VOICE_Palermo alle diverse altre sedi del progetto sparse per il mondo.

Da Palermo e provincia

  • polizia

    L’uomo è stato arrestato grazie alle testimonianze dei presenti. Per la vittima, oltre al furto, 15 giorni di prognosi a causa della frattura.

  • Cronaca Palermo

    Una ragazza di nazionalità nigeriana è riuscita a far arrestare i suoi aguzzini dopo essere stata costretta a prostituirsi e aver ricevuto minacce di morte.

  • Concorsi Sicilia a Palermo

    [toc] L’allarme contagi in Sicilia desta sempre più apprensione. Nel bollettino di ieri i positivi individuati nell’Isola hanno raggiunto quota 13mila e anche i ricoveri sono in aumento. Sale la pressione sugli ospedali e i centri iniziano la ricerca di nuovo personale. Così all’Ospedale Villa-Sofia di Palermo, dove l’azienda ospedaliera ha indetto una selezione pubblica per 50 infermieri. L’avviso è stato pubblicato sul sito internet dell’azienda nella sezione “Concorsi non scaduti” con una delibera del 5 gennaio 2022. Per candidarsi è necessaria la laurea di primo livello e il superamento di un colloquio sulle materie indicate nel bando. Il bando ha scadenze cadenzate e sarà attivo fino a marzo, in modo da poter far fronte alla ripresa dei contagi e alleggerire la pressione del personale presente. Come candidarsi Per candidarsi è necessario inoltrare domanda tramite indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec) intestata al candidato. Le scadenze sono cadenzate secondo un elenco consultabile online, dal 12 gennaio al 9 marzo. Di seguito l’elenco. Le domande di partecipazione ai concorsi Sicilia per l’ospedale Villa-Sofia di Palermo devono essere inviate all’indirizzo: reclutamentoinurgenza@mailpec.ospedaliriunitipalermo.it. Concorso Villa-Sofia: le scadenze per candidarsi Concorsi Sicilia: i requisiti per gli infermieri Per partecipare ai concorsi Sicilia per assunzioni di infermieri all’Ospedale Villa-Sofia di Palermo è necessario il possesso di laurea di 1° livello in infermieristica o diploma universitario di infermiere. Inoltre, alla presa di servizio è necessario essere iscritti all’albo professionale. La verifica dei requisiti e l’ammissione alla selezione del concorso verrà effettuata dalla commissione prima della prova del colloquio. Durante quest’ultimo saranno attribuiti un massimo di 20 punti. Il colloquio, tuttavia, si intende superato col raggiungimento della sufficienza, equivalente ad almeno 14 punti su 20. Le graduatorie dei candidati verranno formulate in base ai punteggi ottenuti nel colloquio. Le immissioni in servizio avverranno con decorrenza e durata stabilite dalla azienda ospedaliera. Concorsi Sicilia per infermieri: scarica il bando