Notizie su Palermo e Università » Città di Palermo » Esame avvocato 2019: i risultati per la Corte di Appello Palermo
Città di Palermo

Esame avvocato 2019: i risultati per la Corte di Appello Palermo

La Corte d'Appello di Palermo ha pubblicato gli esiti delle prove scritte. I candidati riceveranno la comunicazione nella propria area personale.
Come riportato in una precedente nota dalla Corte Appello Palermo, la comunicazione dei risultati dell’Esame Avvocato sessione 2019 avverrà giorno 5 agosto. La valutazione e l’apertura delle buste è a cura della  Corte di Appello di Catanzaro. 

Esami Avvocato sessione 2019 Corte Appello Palermo-  comunicazione ai candidati

I risultati ufficiali verranno pubblicati presumibilmente nella serata della stessa giornata, a completamento di tutti i lavori e dopo le verifiche di rito (è vietato sia presenziare che attendere nell’atrio);
Le notifiche relative alla prova verranno effettuate e pertanto ricevute dal candidato attraverso il portale del Ministero accedendo alla propria “area riservata”;

Nella stessa giornata verrà estratta la lettera da dove avrà inizio la prova orale, anche questa verrà comunicata nell’area personale.

Al primo appello fissato per il 12 settembre 2020 (facoltativo) potranno partecipare esclusivamente i candidati che faranno istanza di anticipazione entro il termine perentorio del 3 settembre 2019 ore 10,00 prenotandosi  tramite  l’applicativo,

Il secondo appello (obbligatorio) partirà dal 21 settembre 2020 la convocazione con l’indicazione della Sottocommissione a cui ognuno è stato assegnato nonché Ia data in cui sostenere la prova sarà comunicata sempre tramite sistema nella propria “area riservata”; Per  le  copie  degli  elaborati   i candidati   dovranno fare istanza attraverso il portale del Ministero accedendo alla propria”area riservata”,e inviandola esclusivamente sempre tramite il predetto portale.

Eventuali problemi Iegati all’area dovranno essere segnalati a cura del  candidato all’indirizzo ” supportotecnicoutenti.siticoncorsies8mi(a)giustizia.it”.