Città di Palermo

PALERMO – Ritornano i vigilantes su tram e bus

A Palermo ritornano i controlli e la sicurezza. Infatti, a bordo di bus e tram saranno presenti vigilantes senza armi. Il loro compito sarà quello di garantire la sicurezza a bordo e di far munire di biglietto i passeggeri. 

Entreranno in azione già a partire dal prossimo fine settimana e per tutta l’estate. L’Amat ha aggiudicato alla ditta Securpol di Palermo l’appalto per la vigilanza a bordo dei mezzi. Saranno 28 i vigilantes impegnati durante le otto ore del giorno nelle linee 101, 806 e sulla linea 1 del tram.

Un’iniziativa che nasce per portare avanti la lotta all’evasione che in Sicilia diventa una vera e propria odissea, soprattutto per quanto riguarda le sanzioni sui mezzi pubblici, molto inferiore a quelle dei vigili urbani. Quasi uno su due prende i mezzi pubblici senza pagare. E il dato più avvilente è che nel 2016 solo 400 passeggeri beccati senza biglietto su bus e tram hanno pagato la sanzione da 53,40 euro: 400 multati su 5.319, solo il 7,5 per cento. Significa che il 92,5 per cento dei viaggiatori che hanno preso i mezzi Amat gratis, e che sono stati per questo multati, ha stracciato il verbale appena ha messo piede fuori dalla vettura.

L’ausilio dei vigilantes permetterà di evitare episodi sgradevoli. Secondo il vice presidente dell’Amata, Diego Bellia: “Abbiamo ritenuto che le armi non fossero necessarie. Si tratta di personale specializzato che ha le competenze per assicurare condizioni di viaggio tranquille.  “Quando la scuola finisce — continua Bellia — i ragazzini vanno al mare e sono capitati diversi episodi sgradevoli”.

La novità di quest’anno sarà la possibilità per i  i vigilantes di sostituire i controllori quando non sono a bordo. Le guardie giurate dovranno occuparsi prevalentemente di far munire i passeggeri di ticket.

About the author

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Leggi articolo precedente:
NIMUN – Netherlands & Italy Model United Nations

L'associazione no profit Global Action, l'Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia e il Reale Istituto Neerlandese in Italia...

Chiudi