Ateneo

UNIVERSITA’ ROMENA ENNA – Dopo Medicina, annunciati i corsi di abilitazione all’insegnamento

PALERMO 24.07.2003 - MAFIA: INDAGATO IL VICEPRESIDENTE DELL'ARS WLADIMIRO CRISAFULLI.

Continua lo scontro tra Crisafulli e il Miur. Il politico ha presentato un esposto per diffamazione, chiedendo un risarcimento di 1 milione di euro. Nel frattempo, si annuncia un nuovo corso.

 

L’introduzione del corso di Medicina e Odontoiatra ad Enna, organizzato dall’Università Dunarea de Jos di Galati, aveva destato scalpore. Ma le sorprese non sono finite, perché Bichescu direttore generale della facoltà ha annunciato la nascita di un nuovo corso di abilitazione all’insegnamento.

“Questo di Enna è un progetto di successo ma con tanti ostacoli – ha detto Bischescu ­ Siamo qua per fare educazione non processi, svilupperemo altre idee. Stiamo preparando un corso di abilitazione all’insegnamento, che partirà in autunno, per il quale mi aspetto che il ministero mi faccia ancora causa”.

Dichiarazioni che sollevano molti interrogativi. L’abilitazione è ormai una tappa necessaria: chi desidera insegnare, dopo il conseguimento della laurea e dei relativi crediti, deve necessariamente abilitarsi. Ma in Italia, l’abilitazione così come l’accesso all’insegnamento, è regolato a livello nazionale dal Ministero dell’Istruzione.

Negli ultimi anni, ciò è avvenuto tramite il Tirocinio Formativo Attivo, di cui si aspetta proprio in questi mesi la pubblicazione del bando del terzo ciclo. Il TFA prevede il conseguimento di crediti in didattica generale e speciale, didattica delle discipline in base alle classi di concorso, un tirocinio a scuola e una relazione finale. Il TFA è stato finora la strada principale per insegnare: molti degli abilitati hanno difatti potuto partecipare al Concorso docenti 2016.

Da domani, però, le regole del gioco potrebbero cambiare. Il 27 luglio verrà  illustrato il “Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti”, con cui dovrebbe verificarsi un cambiamento di rotta: si dirà addio al TFA e verrà introdotto un tirocinio retribuito di ben tre anni. Questo meccanismo sarà strettamente collegato ad un sistema di concorsi nazionali: i vincitori saranno difatti assegnati ad una rete di scuole e, dopo la fine dei tre anni, potranno essere assunti.


Per saperne di più leggi SCUOLA – News: stop al TFA, previsti tirocini di 3 anni per insegnare.


L’istituzione di un nuovo corso di abilitazione ad Enna – di cui ancora si sa ben poco – potrebbe rappresentare ancora una volta un modo per  aggirare i normali processi, a cui dovranno sottoporsi tanti aspiranti insegnanti. A ottobre partiranno i nuovi corsi di Medicina e Odontoiatra e non ci si dovrebbe stupire se in autunno avesse realmente inizio un percorso di abilitazione all’insegnamento: secondo Bichescu la nascita di corsi rumeni ad Enna rispetta perfettamente le normative europee.

About the author

Alessia Costanzo

Classe ’93, nata a Noto, è laureata in Lettere Classiche all’Università di Catania. Quando è appena una matricola, entra a far parte dell’Associazione Culturale Liveunict e collabora come redattrice. Adesso è coordinatrice della redazione e, tra i libri e gli esami, si dedica alle sue passione: scrivere e informare.

Leggi articolo precedente:
Le 10 migliori università del mondo, dove sono le siciliane?

Il Center for World University Rankings stila la classifica delle 10 migliori università del mondo basandosi su alcuni parametri e...

Chiudi