Notizie su Palermo e Università » Città di Palermo » Sicilia, falsi vaccini in cambio di denaro: fermati leader no vax e infermiera
Città di Palermo

Sicilia, falsi vaccini in cambio di denaro: fermati leader no vax e infermiera

vaccini a Palermo
Finti vaccini in un hub della Sicilia: fermati tre soggetti, tra cui un'infermiera che simulava soltanto di iniettare le dosi.

Gli agenti della Digos di Palermo, su ordine della Procura diretta da Francesco Lo Voi, hanno fermato tre persone, ora accusate di corruzione, falso ideologico in atto pubblico e peculato.

Si tratta di Filippo Accetta ,leader locale del movimento No Vax, Giuseppe Tomasino e Anna Maria Lo Brano, infermiera che lavorava sia all’Ospedale Civico che all’hub vaccini della Fiera del Mediterraneo di Palermo.

I tre avrebbero imbastito un accordo corruttivo: in cambio di somme di denaro l’infermiera, in servizio all’hub della Fiera del Mediterraneo di Palermo, avrebbe soltanto finto di somministrare le dosi agli altri due indagati, oltre che a due parenti di Tomasino. 

In particolare, secondo quanto riscontrato dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza, la donna avrebbe versato il vaccino contenuto all’interno della siringa in una garza, per poi inserire l’ago nel braccio dei soggetti senza iniettare nulla.

Per ciascun finto vaccino l’infermiera ora indagata avrebbe ricevuto ben 100 euro. 

La Digos ha individuato i tre grazie ad alcune intercettazioni telefoniche ed ambientali. Inoltre, grazie ad alcune riprese video nell’hub, ora emerge che l’infermiera avrebbe effettuato ulteriori otto false vaccinazioni.

Gli agenti hanno proceduto anche al sequestro dei dati informatici contenuti nella “Piattaforma nazionale digitai green certificate” del Ministero della Salute: sono stati, così, sospesi e bloccati i Green pass di quei soggetti che hanno effettuato falsi vaccini.

Da Palermo e provincia

  • polizia

    L’uomo è stato arrestato grazie alle testimonianze dei presenti. Per la vittima, oltre al furto, 15 giorni di prognosi a causa della frattura.

  • Cronaca Palermo

    Una ragazza di nazionalità nigeriana è riuscita a far arrestare i suoi aguzzini dopo essere stata costretta a prostituirsi e aver ricevuto minacce di morte.

  • Concorsi Sicilia a Palermo

    [toc] L’allarme contagi in Sicilia desta sempre più apprensione. Nel bollettino di ieri i positivi individuati nell’Isola hanno raggiunto quota 13mila e anche i ricoveri sono in aumento. Sale la pressione sugli ospedali e i centri iniziano la ricerca di nuovo personale. Così all’Ospedale Villa-Sofia di Palermo, dove l’azienda ospedaliera ha indetto una selezione pubblica per 50 infermieri. L’avviso è stato pubblicato sul sito internet dell’azienda nella sezione “Concorsi non scaduti” con una delibera del 5 gennaio 2022. Per candidarsi è necessaria la laurea di primo livello e il superamento di un colloquio sulle materie indicate nel bando. Il bando ha scadenze cadenzate e sarà attivo fino a marzo, in modo da poter far fronte alla ripresa dei contagi e alleggerire la pressione del personale presente. Come candidarsi Per candidarsi è necessario inoltrare domanda tramite indirizzo di Posta elettronica certificata (Pec) intestata al candidato. Le scadenze sono cadenzate secondo un elenco consultabile online, dal 12 gennaio al 9 marzo. Di seguito l’elenco. Le domande di partecipazione ai concorsi Sicilia per l’ospedale Villa-Sofia di Palermo devono essere inviate all’indirizzo: reclutamentoinurgenza@mailpec.ospedaliriunitipalermo.it. Concorso Villa-Sofia: le scadenze per candidarsi Concorsi Sicilia: i requisiti per gli infermieri Per partecipare ai concorsi Sicilia per assunzioni di infermieri all’Ospedale Villa-Sofia di Palermo è necessario il possesso di laurea di 1° livello in infermieristica o diploma universitario di infermiere. Inoltre, alla presa di servizio è necessario essere iscritti all’albo professionale. La verifica dei requisiti e l’ammissione alla selezione del concorso verrà effettuata dalla commissione prima della prova del colloquio. Durante quest’ultimo saranno attribuiti un massimo di 20 punti. Il colloquio, tuttavia, si intende superato col raggiungimento della sufficienza, equivalente ad almeno 14 punti su 20. Le graduatorie dei candidati verranno formulate in base ai punteggi ottenuti nel colloquio. Le immissioni in servizio avverranno con decorrenza e durata stabilite dalla azienda ospedaliera. Concorsi Sicilia per infermieri: scarica il bando