Notizie su Palermo e Università » Articoli consigliati » Guida per il Calcolo voto laurea, come stabilire il voto finale
Articoli consigliati

Guida per il Calcolo voto laurea, come stabilire il voto finale

calcolo voto laurea

Per il calcolo voto laurea ci sono delle regole prestabilite, alla quali vanno aggiunte eventuali regole predisposte da ogni ateneo o addirittura da ogni corso di laurea. Non esiste una regola univoca per il calcolo voto di laurea, discrezionalmente l’Ateneo può predisporre direttive sul punteggio e sui calcoli per il voto di laurea finale.

Al calcolo media laurea, oltre al voto di tesi, possono essere attribuiti: punteggio Erasmus, le lodi o una differenza tra media matematica e media ponderata.

[toc]

Come calcolare il voto di laurea con la media aritmetica

Per calcolare la media aritmetica tra due o più numeri, basta sommarli e dividere il risultato ottenuto per il numero dei valori. Per fare la media aritmetica dei tuoi esami. Dovrai quindi sommare il voto di ogni prova e dividerlo per il loro numero.

Come si calcola il voto di laurea con la media ponderata

Il calcolo del voto di laurea con la media ponderata non è un’operazione complicata, basta armarsi di pazienza e di una calcolatrice. Innanzitutto bisogna moltiplicare ciascun voto per il numero dei crediti corrispondenti. A questo punto i prodotti ottenuti devono essere sommati e poi il totale va diviso per il numero complessivo di CFU.

Attenzione però, si ricorda che nel calcolo non devono essere inclusi i CFU relativi alla tesi di laurea, i quali verranno aggiunti in un secondo momento dopo la discussione.

Ecco il procedimento per calcolare la vostra media ponderata:

  • moltiplica il voto di ogni esame per il numero di crediti ad esso equivalente;
  • somma tutti risultati;
  • dividi per il numero totale di crediti

Esempio calcolo media ponderata

  • Esame 1: voto 27 crediti 8
  • Esame 2: voto 21 crediti 12
  • Esame 3: voto 28 crediti 4

(27×8)+(21×12)+(28×4)/(8+12+4)= media 24,16.

Calcolare voto laurea di partenza

È un’operazione semplice: la media ponderata dei voti va moltiplicata per 11 e il risultato che si ottiene va diviso per tre Esempio: (24,16×11/3). Dopo aver calcolato la media ponderata dei voti, per conoscere il voto di partenza, occorre effettuare la conversione in centodecimi, poiché il voto massimo per tutte le Università è 110. A questo verrà aggiunto il voto della tesi.

Alla fine dei conti bisognerà arrotondare in eccesso o in difetto. Se la cifra dopo la virgola è superiore a 5 si arrotonda per eccesso, altrimenti per difetto.

La regola non vale però per tutti gli atenei, ci sono difatti alcuni atenei che permettono di arrotondare in eccesso ogni volta che la cifra dopo la virgola supera il 5, altri atenei invece no.

Il peso delle tesi sperimentali e le tesi compilative

Al calcolo del voto di laurea infine vanno aggiunti i punteggi delle tesi e gli eventuali bonus dati dalle lodi. Dunque il voto di laurea definitivo non è altro che il risultato ottenuto dalla somma del voto di partenza e del punteggio che la commissione dà alla tesi.

Questo ha un valore diverso in base al fatto che sia una laurea triennale, magistrale a ciclo unico o specialistica e si tratta di una tesi compilativa o sperimentale (alla quale è attribuito un punteggio maggiore).

La valutazione della tesi comprende sia la parte scritta che la discussione orale. In questo caso la differenza tra gli atenei può essere notevole: da 4 punti a 11. Alcune Università, invece, dichiarano di non valutare la tesi con precise regole numeriche ma discrezionalmente.

Le Lodi

Generalmente la maggior parte degli atenei stabilisce un tetto massimo oltre al quale non si può andare per il calcolo delle lodi. Buona parte degli atenei (ma non è una regola, anche qui vige discrezionalità) assegna un punto per ogni lode (con tetto massimo) oppure un punto ogni due lodi. Fondamentale consultare il regolamento d’ateneo e del corso di laurea.

Erasmus, progetti mobilità e tesi in Università straniere

Anche in questo caso non vi è un criterio univoco nazionale stabilito, ma ogni ateneo è libero di assegnare il punteggio che meglio preferisce. Stesso discorso  riguarda la scrittura della tesi di laurea in una Università straniera, in Europa o fuori di essa. Anche in questo caso gli atenei hanno ampia discrezionalità.

Calcolo voto laurea per studenti Unipa

Dal portale studenti Unipa, sul proprio piano di studi, oltre al numero dei crediti conseguiti, appare anche la media aritmetica e la media ponderata di base.

I valori sono indicati nella parte superiore della pagina del piano di studi. Nel riquadro riepilogativo sono indicati il voto base di laurea (da media aritmetica e da media ponderata) e la media aritmetica e quella ponderata. Il calcolo comprende tutte le materie ed è determinato soltanto dagli esami sostenuti, quindi al netto di eventuali bonus aggiuntivi. I valori non tengono pertanto conto delle specificità dei manifesti dei singoli Corsi di Studio e potrebbero essere diversi da quelli calcolati in fase di esame finale per il conseguimento del titolo. In altre parole dal calcolo non vengono tolte materie e non si tiene conto degli eventuali punti bonus (ad esempio il punto bonus per chi si laurea in regola), i mezzi punti per ogni lode conseguita o il punto bonus per chi ha partecipato ad un progetto di mobilità.

Tools utili per il calcolo del voto di laurea

Se avete ancora dubbi su come calcolare il voto di laurea, sul web esistono alcuni tools gratuiti per semplificare la cosa, fra questi il sito web calcolovotodilaurea.it e le applicazioni per Android e Apple ilLibrettoUni, Votodilaurea e Mylibretto.

Da Palermo e provincia