Notizie su Palermo e Università » Università di Palermo » Ammissione Università » Test Medicina 2020, i dieci errori da non commettere
Ammissione Università

Test Medicina 2020, i dieci errori da non commettere

I dieci errori più comuni che si fanno durante la prova d'ammissione al test di Medicina 2020

Tutto pronto per il test di medicina 2020. Qualche accorgimento per gli aspiranti medici e gli errori da non commettere durante il test di medicina 2020. Dal dimenticare di mettere la firma sulla scheda anagrafica all’utilizzo della penna blu, fino a rispondere alle domande con una ‘X’ che esce fuori dai margini indicati.

Il test di Medicina 2020 è alle porte (in programma il 3 settembre ndr). In balia dell’ansia e dell’emotività, capita di frequente che gli aspiranti medici dimentichino le più basilari norme di svolgimento o non ascoltino bene le indicazioni fornite dai commissari prima dell’apertura delle buste. Articolo di Adnkronos.

I dieci errori che causano l’annullamento del test di Medicina

  1. L’errore più frequente è non lasciare tutto ciò che si ha nel luogo indicato dai commissari. Il regolamento vieta assolutamente, salvo alcuni casi eccezionali espressamente specificati, di avere con sé appunti o apparecchi elettronici: ricordarsi quindi di posare il proprio telefono, calcolatrice e tutti i dispositivi di calcolo. I commissari hanno facoltà di annullare la prova se notano movimenti o atteggiamenti che sospetti.
  2. Non scarabocchiate il modulo delle risposte. Altro errore frequente è utilizzare il modulo delle risposte per appunti, calcoli o disegnini. Non scrivere niente, non firmare e non fare segni di riconoscimento sul modulo delle risposte. È molto importante: se lo farete, verrà annullato il test;
  3. Attenti a stare dentro i bordi della casella che volete barrare, perché il modulo delle risposte viene corretto da un lettore ottico e un segno fuori dalla casella potrebbe non essere riconosciuto;
  4. Indicate la risposta sbagliata, in maniera corretta. Una procedura che fa cadere spesso in tranello è quella delle risposte a crocette. Se sbagliate a rispondere annerite la casella sbagliata e mettete la ‘X’ dentro quella giusta. Ma fate attenzione: si può correggere solo una volta.
  5. Per segnare la risposta che ritenete giusta, basta apporre una X in corrispondenza della casella in questione. Si può scegliere di non rispondere ad una domanda, se per esempio si è già corretto la domanda e si vorrebbe fare ancora. Per annullare una domanda, barrare il cerchietto che è posto a lato della domanda. Attenzione! Non si potrà più modificare questa scelta;
  6. Segnalate mancanze nel plico. Può capitare che i documenti ufficiali del test avessero fogli mancanti, questo può compromettere la prova, se non si segnala alla commissione in tempo.
  7. Altro importante accorgimento è accertarsi della corrispondenza dei codici alfanumerici presenti sulle etichette;
  8. Il test va compilato esclusivamente con la penna nera che la commissione d’esame consegna ad ogni singolo candidato. È vietato introdurre materiale di cancelleria come penne, matite, quaderni, gomme pena annullamento della prova.
  9. Non dimenticate la firma. Una dimenticanza che può costarvi caro è quella della mancata firma sulla scheda anagrafica. Senza la firma infatti il Miur non è autorizzato a trattare i vostri dati personali, quindi neanche a elaborare il vostro punteggio d’esame e a comunicarvelo. Negli anni scorsi non pochi malcapitati sono stati esclusi per questa dimenticanza dell’ultimo momento;
  10. Terminata la prova, i fogli con le domande vanno rimessi nel plico insieme a quello di controllo e depositati in una scatola apposita. Mentre le risposte vanno nella scatola sigillata su cui è scritto ‘risposte’ e la scheda anagrafica in quella con la scritta “ anagrafica”.