Città di Palermo

Mafia: indagine fra gli studenti, 1 su 5, ci si convive, la metà non conoscono Chinnici

Indagine centro studi Pio La Torre su giovani siciliani

image

Il 76% degli studenti siciliani interpellati sente parlare del fenomeno mafioso come “qualcosa da combattere, da disprezzare o evitare con attenzione”, mentre uno studente su 5 pensa sia “qualcosa con cui convivere perchè non si può eliminare”. È uno dei dati emersi dall’indagine svolta tra gli studenti siciliani coinvolti nel progetto “Giovani cittadini consapevoli, attivi e responsabili” realizzato dal centro studi Pio La Torre con il sostegno del dipartimento della Gioventù e del servizio civile nazionale della presidenza del Cdm. Il 39% degli studenti ritiene la mafia più forte dello Stato, il 34% ritiene “ugualmente forti” mafia e Stato, mentre il 16% pensa che sia lo Stato a essere più forte.

“Quasi tutti i ragazzi – dice Laura Borino, componente dello staff del progetto – sanno chi sono i giudici Falcone e Borsellino. Più della metà, però, ha ammesso di non conoscere figure come Caponnetto, Emanuela Loi, Placido Rizzotto e quasi la metà ignorava chi fosse Rocco Chinnici”.

About the author

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Leggi articolo precedente:
Palermo, il mercato del rubato resiste a tutto

Nel quartiere di Ballarò il mercato storico, principalmente alimentare, sta pian piano morendo mentre si espande quello degli oggetti rubati...

Chiudi