MedSalt, primo incontro organizzato a Palermo, presente anche l’UniPA

Nei fondali del Mar Mediterraneo si nasconde un ‘gigante’ salino, un enorme strato di salgemma, gesso e altri sali spesso alcuni chilometri e con un volume di oltre un milione di chilometri cubi. L’origine di queste rocce, il loro impatto sulla geografia del Mediterraneo, e le implicazioni per la pericolosità dell’ambiente sottomarino verranno ora studiate dalla rete europea MedSalt, coordinata dall’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) di Trieste.

Il network MedSalt è finanziato dall’Associazione per la cooperazione europea nella scienza e tecnologia (Cost Association) e riunisce ricercatori di 26 Paesi che nei prossimi 4 anni studieranno questa struttura singolare, ha detto il coordinatore del progetto, Angelo Camerlenghi.

Le rocce del gigante salino si sono formate tra 6 e 5,5 milioni di anni fa, come conseguenza della chiusura temporanea dello scambio di acqua tra il mar Mediterraneo e l’Oceano Atlantico e la loro scoperta ha originato la teoria del disseccamento del Mediterraneo, secondo cui l’evaporazione in eccesso avrebbe generato un abbassamento del livello del mare di almeno 1.500 metri, trasformandolo in una gigantesca salina naturale. La riapertura dello stretto di Gibilterra avrebbe poi causato una catastrofica inondazione e il ritorno del Mediterraneo alle condizioni normali.

Prima tappa del progetto MedSalt è l’incontro organizzato in ottobre a Palermo dall’Ogs, con l’Università di Palermo e l’Università Pierre et Marie Curie di Parigi. Durante il simposio verranno presentati dati scientifici e un progetto di perforazione profonda del bacino Mediterraneo con il progetto internazionale IODP (International Ocean Discovery Program). (Ansa)

Articoli correlati

UNIPA – Stage in azienda per i migliori cinque studenti di «International Relations-Internati... I migliori cinque studenti del corso di laurea magistrale «International Relations-International Trade» dell'Università svolgeranno tirocini curricula...
FameLab, il talent show nazionale sulla comunicazione scientifica per studenti e ricercatori Tre minuti e una manciata di parole per comunicare al pubblico un argomento scientifico che ti appassiona. Se sei uno scienziato, un ricercatore o uno...
UNIPA – Presunta truffa agli studenti di Architettura, assolto il prof. Franco Tomaselli Assolto il professore universitario Franco Tomaselli. Era accusato di truffa aggravata. Il Tribunale di Palermo ha assolto il professore dell'univers...
Esame Avvocato 2015, esiti ammessi e risultati prove scritte. Gli ultimi aggiornamenti Risultati Esame Avvocato 2015/2016 - L'attesa per gli esiti degli esami di avvocato sembra che stia per finire,  se già da qualche giorno sono stati p...
UNIPA – Siglato Protocollo d’intesa con UniCredit   Protocollo d’intesa siglato tra l’Università di Palermo e UniCredit. Obiettivo dichiarato é ridurre la distanza tra la conoscenza e il merc...
UNIPA – Presentazione di Arianna, l’app di In.Sight dell’Università di Palermo Lunedì 13 Giugno, alle ore 15 presso il Consorzio Arca (Ed.16, Viale delle Scienze – Palermo), In.Sight - spin-off dell’Università degli Studi di Pale...
PALERMO – Per la festa dell’onestà la presentazione del libro “La mafia e i suoi s... Il giornalista catanese Cirino Cristaldi approda a Palermo per un'altra tappa di presentazione del suo libro che sta diventando un cult: "La mafia e i...
Ipnosi per lo studio? La soluzione per i problemi ci concentrazione Quante volte è capitato di non riuscire a concentrarsi nello studio o nel lavoro, con la conseguenza di arrabbiarci e sconfortarci? Alcuni studi scien...


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
E’ morto Giovanni Giudice. Aveva insegnato per molti anni all’Unipa

E' morto Giovanni Giudice, a 83 anni dopo una lunga malattia. Biologo e ed ex parlamentare ha insegnato per molti...

Chiudi